Chi Siamo

Il 12 del mese di ottobre 2019 si è riunita in Roma, in via Quattro Cantoni n. 53, a seguito di auto convocazione, l'assemblea costituente della Democrazia Cristiana, costituita dagli iscritti alla Democrazia Cristiana del 1993, ultimo valido tesseramento di questa. La convocazione,rivolta a tutti gli iscritti del 1993, nessuno escluso, avente in sintesi per oggetto la ristrutturazione a tutti i livelli del partito, è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale numero 104 del 5 settembre 2019. L'avvio della riorganizzazione della Democrazia Cristiana storica è stata resa possibile dal contenuto del giudicato della sentenza della Corte di Appello di Roma n. 1305 del 2009, resa definitiva dalla sentenza della Corte di Cassazione a sezioni riunite-civile- n.25999 del 2010. Detta sentenza della Corte di Appello ha definitivamente stabilito che la Democrazia Cristiana storica non si è mai estinta, ma che è sopravvissuta negli iscritti e con gli iscritti del 1993 ( ultimo tesseramento valido ); che nessuna delle attuali formazioni politiche che affermano di essere la D.C. può ritenersi tale. In particolare non può ritenersi tale la Democrazia Cristiana terzo polo di centro di Angelo Sandri, inibita all'uso del simbolo e del nome della Democrazia Cristiana,sia dalle sentenze poste a base della adunanza del 12 Ottobreb 2019, sia dalla sentenza n. 191 13/09 del Tribunale di Roma, , terza sezione civile, confermata dalla sentenza n. 805/2017 della Corte di Appello di Roma, sezione seconda, rese definitive dalla sentenza della Cassazione n. 18746/2019. Altrettanto può dirsi per la formazione politica facente capo prima a Fontana e ora a Renato Grassi, contro la quale due sentenze passate in giudicato, la n. 14046/2014 e la n. 17831/2015, entrambe del Tribunale di Roma, sez. terza civile, la sentenza del Consiglio di Stato, sez. terza, n. 2629/2019, nonché l ' Ufficio Elettorale della Corte di Cassazione, decisione del 12 aprile 2019 hanno acclarato la non identificabilità con la Democrazia Cristiana storica. Pertanto solo gli iscritti del 1993 hanno titolo giuridico per procedere, come fatto con la assemblea costituente del 12 ottobre 2019, attraverso un corretto percorso giuridico, alla riattivazione del partito ed al recupero dei beni materiali ( patrimonio immobiliare della D. C. ) ed immateriale ( simbolo, oggi detenuto illegittimamente dalla UDC, partito che nulla ha a che vedere con la Democrazia Cristiana storica ) conferiti a partiti non eredi della D.C. storica da persone che non ne avevano titolo. Siccome la assemblea era aperta a tutti gli iscritti del 1993 e la onvocazione è stata pubblicizzata a livello nazionale sulla gazzetta ufficiale, le delibere della assemblea sono vincolanti non solo per i presenti, ma anche per gli assenti, i quali, non avendo avanzato contestazioni, non potranno più partecipare ad altra analoga assemblea, che abbia come scopo la rivitalizzazione della ormai rinata DC.. Qualsiasi altra assemblea non potrà avere per oggetto la rivitalizzazione di un partito, che in conseguenza della assemblea del 12 ottobre 2019 è ormai tornato a nuova vita.

 

Vuoi diventare un tesserato del Partito?

Clicca qui per andare nella pagina dedicata ed acquistare il tuo tesseramento.

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close